Cielo con nuvole

Ei solo è il nostro re

Quando Gesù Risorto lascia i discepoli sulla terra, ecco che assegna loro il compito di essere suoi testimoni; con la promessa, che si realizzerà aRead More

Pane

Pan di vita

Gesù usa spesso immagini del mondo contadino del suo tempo. E si dice con ragione che usi quelle immagini per farsi capire meglio, non conRead More

Salendo all'Areopago oggi

Annunciare l’essenziale

Nel libro degli Atti vediamo riportato da Luca un episodio della predicazione dell’apostolo Paolo, quando si trovava ad Atene. Luca è uno scrittore scrupoloso eRead More

Giovanni 20:1-10 Il primo giorno della settimana, la mattina presto, mentre era ancora buio, Maria Maddalena andò al sepolcro e vide la pietra tolta dal sepolcro. Allora corse verso Simon Pietro e l'altro discepolo che Gesù amava e disse loro: «Hanno tolto il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'abbiano messo». Pietro e l'altro discepolo uscirono dunque e si avviarono al sepolcro. I due correvano assieme, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse primo al sepolcro; e, chinatosi, vide le fasce per terra, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro, e vide le fasce per terra, e il sudario che era stato sul capo di Gesù, non per terra con le fasce, ma piegato in un luogo a parte. Allora entrò anche l'altro discepolo che era giunto per primo al sepolcro, e vide, e credette. Perché non avevano ancora capito la Scrittura, secondo la quale egli doveva risuscitare dai morti. I discepoli dunque se ne tornarono a casa. Johannes 20:1-10 Am ersten Tag der Woche kommt Maria aus Magdala frühmorgens noch in der Dunkelheit zum Grab und sieht, dass der Stein vom Grab weggenommen ist. Da eilt sie fort und kommt zu Simon Petrus und zu dem anderen Jünger, den Jesus lieb hatte, und sagt zu ihnen: Sie haben den Herrn aus dem Grab genommen, und wir wissen nicht, wo sie ihn hingelegt haben. Da brachen Petrus und der andere Jünger auf und gingen zum Grab. Die beiden liefen miteinander; doch der andere Jünger lief voraus, war schneller als Petrus und kam als Erster zum Grab. Und als er sich vorbeugt, sieht er die Leinenbinden daliegen; er ging aber nicht hinein. Nun kommt auch Simon Petrus, der ihm folgt, und er ging in das Grab hinein. Er sieht die Leinenbinden daliegen und das Schweisstuch, das auf seinem Haupt gelegen hatte; es lag nicht bei den Leinenbinden, sondern zusammengerollt an einem Ort für sich. Darauf ging nun auch der andere Jünger, der als Erster zum Grab gekommen war, hinein; und er sah, und darum glaubte er. Denn noch hatten sie die Schrift, dass er von den Toten auferstehen müsse, nicht verstanden. Dann kehrten die Jünger wieder zu den anderen zurück. La prima reazione di fronte alla tomba vuota non fu proprio di trionfo o di grida di gioia, l’immediata reazione dei discepoli (come si legge in tutti e quattro gli evangeli) fu di sorpresa e di dubbio. Nonostante avessero ascoltato le parole di Gesù che annunciava la sua morte e resurrezione, nonostante credessero nel loro maestro sono dubbiosi e increduli dinnanzi alla tomba vuota. Per loro è inspiegabile. In questo essere dubbiosi più in generale dinanzi all’annuncio del Risorto molti, non solo atei o agnostici, ma proprio fra i cristiani sono dubbiosi e assomigliano ai discepoli della tomba vuota. Si domandano: “Come è possibile?” “Qual è il meccanismo della resurrezione?” Ma la resurrezione non è descritta, non è possibile descriverla, va oltre dell’umana comprensione. Inno IC 108 Il Signor risuscitò (le due strofe) Sermone Se la resurrezione in sé non è descritta, molti sono invece i testimoni che descrivono l’incontro con Gesù Cristo risorto. Come i due discepoli sulla via di Emmaus. Riassumo l’inizio del racconto che si trova in Luca al capitolo 24. Abbiamo allora due discepoli di Gesù che se ne ritornano a casa la sera di Pasqua, proprio quella della Resurrezione, sono delusi e abbattuti, perché non hanno ben capito che tipo di liberatore fosse Gesù e in fondo non sono riusciti a comprendere ciò che Gesù gli aveva spiegato circa la sua morte e successivamente la sua resurrezione. Non solo, c’è anche da aggiungere che non hanno nemmeno creduto all’annuncio delle donne… Cioè la loro ottusità è ben radicata. In quel momento un altro viandante gli si avvicina, è Gesù risorto che loro non riconoscono. Anche questo è un dato comune alle altre apparizioni. Il Risorto non viene riconosciuto subito, Egli si fa di solito riconoscere per qualche particolare. L’apostolo Paolo parla di un copro “glorioso”, Egli è proprio il Signore Gesù Cristo, ma il suo corpo è differente, non è il corpo soggetto al deperimento e alla morte, ma è già il corpo dei nuovi cieli e della nuova terra. Il risorto si avvina loro e gli chiede di che cosa parlino per la via, e gli rispondono: Egli domandò loro: «Di che discorrete fra di voi lungo il cammino?» Ed essi si fermarono tutti tristi. Uno dei due, che si chiamava Cleopa, gli rispose: «Tu solo, tra i forestieri, stando in Gerusalemme, non hai saputo le cose che vi sono accadute in questi giorni?» Egli disse loro: «Quali?» Essi gli risposero: «Il fatto di Gesù Nazareno, che era un profeta potente in opere e in parole davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e i nostri magistrati lo hanno fatto condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che fosse lui che avrebbe liberato Israele; invece, con tutto ciò, ecco il terzo giorno da quando sono accadute queste cose. È vero che certe donne tra di noi ci hanno fatto stupire; andate la mattina di buon'ora al sepolcro, non hanno trovato il suo corpo, e sono ritornate dicendo di aver avuto anche una visione di angeli, i quali dicono che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati al sepolcro e hanno trovato tutto come avevano detto le donne; ma lui non lo hanno visto». (Luca 24:17-24) Er aber sagte zu ihnen: Was sind das für Worte, die ihr da unterwegs miteinander wechselt? Da blieben sie mit düsterer Miene stehen. Der eine aber, mit Namen Klopas, antwortete ihm: Du bist wohl der Einzige, der sich in Jerusalem aufhält und nicht erfahren hat, was sich in diesen Tagen dort zugetragen hat. Und er sagte zu ihnen: Was denn? Sie sagten zu ihm: Das mit Jesus von Nazaret, der ein Prophet war, mächtig in Tat und Wort vor Gott und dem ganzen Volk, und wie unsere Hohen Priester und führenden Männer ihn ausgeliefert haben, damit er zum Tod verurteilt würde, und wie sie ihn gekreuzigt haben. Wir aber hofften, er sei es, der Israel erlösen werde; doch jetzt ist es schon drei Tage her, seit dies geschehen ist. Doch dann haben uns einige Frauen, die zu uns gehören, in Schrecken versetzt. Sie waren frühmorgens am Grab, und als sie den Leib nicht fanden, kamen sie und sagten, sie hätten gar eine Erscheinung von Engeln gehabt, die gesagt hätten, er lebe. Da gingen einige der Unsrigen zum Grab und fanden es so, wie die Frauen gesagt hatten; ihn aber haben sie nicht gesehen. Sono rassegnati, sono sconfitti, perché Gesù, il loro maestro e amico, è morto e seppellito. Sono tristi perché pensavano che Gesù potesse fare grandi cose, essere probabilmente un liberatore politico, ma invece –dicono– ecco che è morto già da tre giorni… che significa che pensano come tutti, che quando si muore non ci sia proprio più niente da fare, neanche per il Signore. Neanche per il Creatore dei cieli e della terra. È qualcosa che si dà per scontato, che sembra sia così anche molti che sono credenti, ma è in realtà sorprendente: pensare che la potenza del Signore si possa paragonare in qualche modo alla nostra, che sia dello stesso tipo solo più perfezionata. Affascinati dalla tecnologia o dall’ingegno umano, si pensa che le capacità del Signore siano sì superiori a quelle umane, ma affini, simili, o che comunque si possano pensare umanamente: ma i miei pensieri non sono i vostri pensieri, dice il Signore… Il mistero della resurrezione ci supera, ma Gesù Cristo risorto lo sa e si farà riconoscere e manderà dei testimoni a parlarcene. Rispiega la Scrittura Quel viandante non lo riconoscono, forse perché sono troppo tristi, forse perché è troppo fuori dai loro pensieri che Gesù sia lì, vivo. E soprattutto come dicevo perché ha un corpo, un fisico, non più terreno. C’è dunque bisogno che Gesù si faccia riconoscere, ma Gesù non si fa subito riconoscere, invece, un po’ a sorpresa se volete, gli rispiega la Scrittura ricominciando da capo. Per interpretare ciò che è successo, per capire il senso della venuta di Gesù su questo mondo, per riconoscere Gesù come il Risorto c’è bisogno della Scrittura. La Bibbia ci fa capire molte cose di Dio. E ci dice molte cose della nostra vita. Tuttavia, bisogna leggerla, ascoltarla e riflettere e farsi svelare il significato dallo Spirito. Così capiamo quello che succede, diviene come una lampada che illumina il cammino, quel cammino che per i due che vanno ad Emmaus è invece scuro e grigio. Troppe volte si dice: “sì so cosa è scritto”, ma è solo ciò che ricordiamo, riprendere il testo è invece sempre sorprendentemente istruttivo. Pur non vedendo ancora chiaramente, i due comunque rimangono affascinati con questa spiegazione biblica e interiormente colpiti. Per questo, quando giungono ad una locanda alla sera, dicono a Colui, che non hanno ancora riconosciuto, di restare a mangiare insieme a loro. Si fa riconoscere e annunciare Gesù però adesso vuole che finalmente lo riconoscano, e per questo a tavola fa un gesto, che faceva spesso: Essi lo trattennero, dicendo: «Rimani con noi, perché si fa sera e il giorno sta per finire». Ed egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro prese il pane, lo benedisse, lo spezzò e lo diede loro. Allora i loro occhi furono aperti e lo riconobbero; ma egli scomparve alla loro vista. Ed essi dissero l'uno all'altro: «Non sentivamo forse ardere il cuore dentro di noi mentr'egli ci parlava per la via e ci spiegava le Scritture?» Doch sie bedrängten ihn und sagten: Bleibe bei uns, denn es will Abend werden, und der Tag hat sich schon geneigt. Und er ging hinein und blieb bei ihnen. Und es geschah, als er sich mit ihnen zu Tisch gesetzt hatte, dass er das Brot nahm, den Lobpreis sprach, es brach und ihnen gab. Da wurden ihnen die Augen aufgetan, und sie erkannten ihn. Und schon war er nicht mehr zu sehen. Und sie sagten zueinander: Brannte nicht unser Herz, als er unterwegs mit uns redete, als er uns die Schriften aufschloss? Il gesto dello spezzare il pane è quello che ricordiamo nella Santa Cena. È un gesto che i discepoli gli avevano già veduto fare e che significava: sarò sempre con voi. Che avranno capito gli altri nella locanda? Non se ne fa menzione. Probabilmente l’oste e gli altri avventori avranno visto la sorpresa dei due, senza capire niente. Alle volte possiamo essere anche noi così, Gesù è a noi vicino, ma noi non lo capiamo. Una volta fattosi riconoscere, però, il Cristo scompare alla loro vista, infatti Gesù non vuole che i discepoli stiano lì a dirgli quanto sono contenti, ma vuole che vadano a dire a tutti: Il Signore è veramente risorto. Infatti: E, alzatisi in quello stesso momento, tornarono a Gerusalemme e trovarono riuniti gli undici e quelli che erano con loro, i quali dicevano: «Il Signore è veramente risorto ed è apparso a Simone». (Luca 24:30-34) Und noch zur selben Stunde standen sie auf und kehrten nach Jerusalem zurück und fanden die elf versammelt und die, welche zu ihnen gehörten; die sagten: Der Herr ist tatsächlich auferweckt worden und dem Simon erschienen. Und auch sie erzählten, was unterwegs geschehen war und wie er von ihnen am Brechen des Brotes erkannt worden war. La Pasqua di resurrezione ci fa comprendere sempre meglio chi sia Gesù, il Risorto e ci chiede di andare a dirlo agli altri. Perché è questo l’annuncio che cambia la vita, nonostante le possibili domande sul come e quando si realizzi la vita eterna, l’annuncio che la morte è vinta cambia la vita, che di solito è condizionata dalla morte, e le dà invece tutta una nuova prospettiva, proprio perché l’esistenza non finisce con la morte! Da questo annuncio riceviamo nuova energia per vivere rinnovati e con serenità. Amen

Pasqua di resurrezione

Il primo giorno della settimana, la mattina presto, mentre era ancora buio, Maria Maddalena andò al sepolcro e vide la pietra tolta dal sepolcro. AlloraRead More

In dialogo (Col 4:2)

Spesso gli apostoli esortano alla preghiera, anzi alla perseveranza nella preghiera. Perseverate nella preghiera, vegliando in essa con rendimento di grazie. (Colossesi 4:2-4) Perseveranza nellaRead More