Bibbia del Diodati

«Non è difficile prevedere che la traduzione del Diodati, sia per l’impeto poetico, che per la qualità del linguaggio, resterà ora e sempre per noi italiani un monumento letterario; all’incirca, come per l’Inghilterra, la sincrona Bibbia di Giacomo I, nella quale aveva confluito il meglio delle versioni del Wycliffe e del Tyndale. Il che non toglie che il Diodati abbia fama troppo minore del giusto. E che il suo Calvinismo non basti a spiegare come mai, nella massima parte delle nostre storie letterarie, anche recentissime a questo robusto e
corrusco prosatore si neghi una considerazione largita a scrittorelli indegni di legargli le scarpe.»

Scriveva così su “L’Europeo” il 22 ottobre 1950 Emilio Cecchi noto critico letterario del tempo, in una frase che a distanza di tempo è ancora attuale.

La citazione di Cecchi la si può leggere nella mostra: “La Bibbia di Giovanni Diodati”. Costituita da 15 pannelli, da una esposizione di alcune Bibbie antiche, da un filmato e con un catalogo, la Mostra vuole far apprezzare la traduzione del Diodati, versione dell’Antico e del Nuovo Testamento che è stata la Bibbia degli evangelici dal Seicento ai primi vent’anni del Novecento.

L’esposizione aperta a Bondo (Svizzera), il 30 settembre è ora esposta il pomeriggio nella Chiesa S. Trinità di Castasegna (Svizzera) fino al 20 ottobre 2013 e sarà poi a Sondrio (Italia) nei locali del Centro Evangelico di Cultura dall’8 novembre al 17 novembre 2013.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.